VI edizione Notti InColore 2018

Martedì 12, 19 e 26 giugno ore 21.30 VI edizione della manifestazione artistica Notti InColore 2018, Ambarabà Ciccì Coccò a cura di Gloria Campriani e realizzata grazie al contributo del Comune di Certaldo, Centro commerciale naturale ConCertaldo, Confesercenti Empolese Valdelsa e in collaborazione con MultiMedia91 e Narrazioni Urbane (Ingresso libero).

L’arte contemporanea esce dagli spazi convenzionali e scende in piazza, nelle vie del centro e nei negozi di Certaldo per incontrare e dialogare all’esterno con il pubblico, gli appassionati ed i curiosi, gli addetti del settore, i visitatori ed i turisti più pigri e distratti.  A partire da martedì’ 12 giugno per continuare nei due martedì successivi del 19 e 26 giugno, dalle ore 21:30,  il sagrato  della chiesa di San Tommaso Apostolo, le vetrine dei negozi, i locali di Certaldo, tra viale Giacomo Matteotti, piazza Giulio Masini, via II giugno, borgo Garibaldi, piazza Boccaccio e via IV novembre, si riempiranno di colori, installazioni e performance d’arte, musica e molto altro. Tre notti in colore all’insegna della contemporaneità.

Il programma

La rassegna prevede un programma ricco e ben articolato con installazioni e performance di arte a “cielo aperto”;  mostre, video installazioni in “vetrina” con pittori, scultori, fotografi, video maker, performer, e collezionisti; conferenze e presentazioni di libri  con scrittori, storici dell’arte, critici, ospiti televisivi e influencer; il tutto arricchito da musica dal vivo nei bar, caffè, pub e bistrot sia all’ora dell’aperitivo che fin dopo cena (musica sperimentale,  pop, blues, old jazz, rock, swing, disco e classica). La manifestazione ha un carattere fortemente contemporaneo e propone  una qualità artistica  ben selezionata non trascurando gli altri ambiti (musicali e di intrattenimento) in cui opera e si completa.

Leggi il programma per scoprire tutti i dettagli della manifestazione.

Programma-Notti-InColore-2018

 

Clicca sull’immagine sull’immagine qui sotto per visualizzare il pdf del programma.

Programma Notti InColore 2018

Ambarabà Ciccì Coccò

La scelta del titolo Ambarabà ciccì coccò, non si riferisce solo al suono  piacevole e giocoso della celebre filastrocca popolare, ma anche alla possibilità di immaginare “vari colori”. Queste parole sono tre, come tre sono gli artisti  delle mostre personali a “cielo aperto”  (Ignazio Fresu, Andrea Dami, Dario Longo) e tre sono i linguaggi artistici da loro utilizzati. Il numero tre   – simbolo dell’unione perfetta –  appare ripetutamente nello sviluppo del progetto e senza uno specifico significato.  “Ambarabà ciccì coccò, come in alcuni casi accade con l’arte contemporanea –  spiega la direttrice artistica Gloria Campriani –  genera piacevoli nonsense”.

“Alla base del progetto  – continua  Gloria Campriani – si pone l’interesse per la collaborazione nella consapevolezza che la reciproca influenza fra realtà diverse, come quelle dell’arte contemporanea e il commercio, sia da auspicare come sinergia che possa dare nuova linfa, favorendo così il contatto fra la società civile e aziende commerciali. Il progetto si propone di  sviluppare una forte interazione fra arte, cultura, istituzioni, impresa e economia per il raggiungimento di obiettivi comuni e una crescita insieme senza che l’arte debba perdere il suo principale obiettivo assumendo atteggiamenti non di sua competenza.

Informazioni

Presso i negozi che ospitano un artista o uno scrittore è possibile richiedere di consultare o eventualmente acquistare cataloghi, libri e volumi dell’autore oppure ricevere altra documentazione gratuita. Gli artisti, i collezionisti, scrittori, critici, storici, musicisti, cantanti e ospiti della rassegna Ambarabà ciccì coccò saranno lieti di rispondere alle vostre domande, di fare dediche sull’acquisto di eventuali cataloghi, libri e volumi o fare  selfie. All’ora dell’aperitivo, nei bar, caffè, pub e bistrot, è possibile ascoltare musica di vario genere degustando cocktail del colore della notte creati appositamente per la manifestazione Ambarabà ciccì coccò e realizzati da tre ingredienti basilari. Presso le gelaterie, le yogurterie, i fornai, le pizzerie e le pasticcerie è possibile assaggiare nuovi gusti che portano il nome di Ambarabà ciccì coccò. . Le notti  diventano così dei veri e propri eventi “dress code” che invitano tutta la popolazione a partecipare con abiti e accessori del colore-guida della serata. 

Le mostre in “vetrina” sono visitabili negli appuntamenti previsti dalla rassegna e durante tutto il periodo della manifestazione che va dal 12 al 26 giugno, tranne il lunedì, orari dei negozi. 

it_ITItalian
it_ITItalian